Siria, assalto finale a Raqqa: evacuati jihadisti

Siria, assalto finale a Raqqa: evacuati jihadisti

Centinaia di jihadisti e le loro famiglie saranno evacuati con pullman, restano gli irriducibili foreign fighters: in tutto tra 300 e 500. Nei sei anni di guerra in Siria ritiri del genere da parte di combattenti insieme a gruppi di civili sono diventati normali come modalità per accelerare la caduta di zone popolate dopo lunghi assedi.

In un comunicato diffuso dalla coalizione si sottolinea che l'accordo è stato stipulato con il contributo di capi tribali della regione al fine di "ridurre al minimo le vittime civili".

Non solo i civili ed i combattenti siriani, quindi, hanno potuto lasciare la città. Secondo le ultime informazioni riferite da testimoni locali alla ong, i miliziani di Tahrir Al-Sham, l'ex fronte Al Nusra, sono riusciti a strappare il villaggio di Al Rahjan nel nord-est della provincia, e ora combattono per prendere il controllo di quelli di Al Shakuziyyeh e Sarha. riproduzione riservata ®.

Strasbourg-OM : les compos de départ, avec Mitroglou
Le Racing reste toutefois englué à la 19e place, tandis que l'OM se hisse à la cinquième, passant devant l'OL. Eric Di Meco l'exhorte à continuer sur cette lancée pour viser véritablement le podium.

Alloush ha reso inoltre noto che i combattenti stranieri stanno lasciando Raqqa. Entra nella fase finale l'offensiva delle forze democratiche siriane (SDF), un'alleanza curdo-araba sostenuta da Washington e dominata dalle Unita di Protezione del Popolo curdo (Ypg).

Le notizie sul terreno sono confuse e contraddittorie ma la coalizione guidata dagli Stati Uniti, che non si sbilancia in previsioni, ritiene che le cosiddette Forze democratiche siriane (Sdf) hanno riconquistato l'85% della capitale dello Stato Islamico, ma ci sono ancora "difficili combattimenti" per le strade dei quartieri del centro. L'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) ha detto che a questa ipotesi si opponevano in particolare i servizi segreti francesi, convinti che in città si nascondessero anche le menti degli attentati di Parigi. Non è chiaro, tuttavia, se si tratti di miliziani provenienti da altri Paesi arabi o di europei che hanno aderito al Califfato e che se riuscissero a fuggire potrebbero tornare a minacciare i Paesi d'origine.

Related Articles